Aidone

Il modello dell’accoglienza diffusa
La sede di Aidone gestisce i progetti SPRAR e CAS e nasce su una rete di partenariato consolidata nel territorio che comprende istituzioni e associazioni locali che ha reso possibile l’applicazione del modello di accoglienza diffusa nel territorio aidonese, elemento caratterizzante della sede: i migranti sono accolti in appartamenti privati affittati dall’associazione, suddivisi in relazione alla loro origine etnica, per avviare da subito un regime di semi-indipendenza. Gli operatori affiancano i migranti nelle attività quotidiane e svolgono un costante monitoraggio della gestione delle abitazioni rispetto all’igiene, alla preparazione dei pasti e alla pulizia delle strutture oltre a vigilare attentamente sul rispetto delle regole della comunità.

Venerdì, 09 Aprile 2021 08:51

Due fratelli di nuovo insieme dopo 3 anni!!!

Fofana e Syon sono due fratelli partiti dal Mali circa tre anni fa. Dopo un lungo e drammatico viaggio sono approdati in Europa ma in due luoghi diversi: Fofana in Italia, Syon in Francia. Grazie al lavoro svolto dall’operatore legale dello staff SIPROIMI di Aidone (Enna), i due fratelli si sono finalmente riuniti e ora si trovano nella nostra comunità di accoglienza ed integrazione. Per tutti noi è un altro importante risultato raggiunto. 
Sabato, 12 Settembre 2020 08:31

Laboratorio di Cucito ad Aidone

Prende oggi l’avvio il "Laboratorio di Cucito" promosso dal progetto SPRAR/SIPROIMI di Aidone, che coinvolge un gruppo di beneficiari seguiti dalla nostra operatrice Salvina Farinato, psicologa e psicoterapeuta. È un’occasione importante per valorizzare le loro attitudini e capacità e per consentirgli di prestare servizio a favore della comunità. #sosteniamo #integriamo
Tra le attività di orientamento finalizzate all'autonomia dei beneficiari, l'equipe del progetto SPRAR ha avviato un percorso di supporto per sostenere l'esame della patente di guida.
Il 7 aprile si celebra la Giornata Mondiale della Salute. Istituita nel 1950 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, tale giornata è finalizzata alla sensibilizzazione di tutti i popoli sull'importanza del diritto alla salute. Quest'anno l'OMS intende dare particolare risalto agli infermieri e ai medici e proprio in questo drammatico periodo di pandemia è emerso con maggiore chiarezza il loro ruolo fondamentale per riproporre con decisione il principio che tutto il sistema socio-sanitario deve mettere al centro la persona e i suoi bisogni.Restando a casa anche l'associazione Don Bosco 2000 ha partecipato alla giornata di azione e sostegno del diritto alla salute…
#iorestoacasa #andratuttobene: questi i messaggi che arrivano dai centri di accoglienza di Aidone, Catania, Piazza Armerina e Pietraperzia. Tutti i migranti restano “a casa” e i servizi continuano ad essere erogati, anche a distanza (come nel caso della comunità diffusa di Aidone). In tutti i centri viene svolta quotidianamente un'accurata e costante sensibilizzazione e informazione sul Covid-19 e sulla crisi pandemica che stiamo vivendo. In tutti i centri si svolgono attività per utilizzare in modo costruttivo il tempo in isolamento. Laddove necessario, si utilizza materiale informativo tradotto in tante le lingue, dall'arabo al tigrino, dal mandinga al pulaar, bambara, wolof,…
 Anche nella comunità diffusa di Aidone si è svolta la classica tombolata.
"In diretta da Aidone per presentare il libro. Una serata bellissima con il gruppo di Don Bosco 2000": Ismaele La Vardera
 La comunità diffusa di Aidone insieme oggi, come di consueto, per un pranzo multietnico e un momento di preghiera interreligiosa. Accogliamo ragazzi provenienti dal Senegal, Gambia, Egitto, Tunisia, Venezuela. Auguriamo buon Natale in tutte le lingue del mondo!#buonnatale#MerryChristmas#JoyeuxNoël#feliznavidad
Pagina 1 di 17