La Chiesa di Pietraperzia apre le porte ai migranti: l'articolo su LA SICILIA

Da venerdì 4 gennaio 2019 padre Osvaldo Brugnone, vicario foraneo della Parrocchia Santa Maria Maggiore, chiesa Madre di Pietraperzia sta accogliendo per qualche giorno nella canonica della Chiesa un gruppo di 5 giovani eritrei arrivati in Italia con il progetto dei corridoi umanitari, vista l’emergenza umanitaria del paese da cui provengono. I giovani, di religione ortodossa, stanno partecipando alle funzioni religiose pietrine di questi giorni e stanno seguendo un percorso di integrazione in provincia di Catania. “Ho conosciuto i ragazzi attraverso l’Associazione Don Bosco 2000, durante la messa di Capodanno a Catania – dichiara Don Osvaldo - E’ stato un momento particolarmente intenso perché la funzione si è svolta con una preghiera condivisa tra cattolici, coopti, ortodossi e musulmani. Un momento di grande fratellanza. Noi cristiani non possiamo tirarci indietro di fronte alle richieste di aiuto dei fratelli molto meno fortunati di noi, costretti a fuggire da persecuzioni e povertà estrema. Noi cattolici di Pietraperzia stiamo mandando un segnale forte in questi tempi di grandi parole e di poche azioni”. Non è il primo gesto esemplare da parte di Padre Osvaldo che da circa un anno sta affiancando le attività di accoglienza ed integrazione dell’Associazione Don Bosco 2000. Da febbraio 2018 l’associazione ha aperto un centro di accoglienza straordinaria proprio nel comune di Pietraperzia, in una casa canonica, messa a disposizione dalla Diocesi. La sede, a pochi giorni dalla sua apertura a febbraio 2018, era stata oggetto di un gravissimo atto intimidatorio, con spari contro le finestre del centro, fortunatamente senza nessun ferito, ma creando una situazione di grande tensione non solo per gli operatori dell’associazione ma anche per i migranti, già in fuga da contesti particolarmente violenti e drammatici. Da quel momento, la società civile pietrina si è mobilitata, sostenendo vari progetti di integrazione e partecipazione ad eventi ed iniziative a favore dei giovani migranti. “Siamo consapevoli delle grandi difficoltà dell’accoglienza dei migranti in questo periodo però dal nostro punto di vista la comunità religiosa, e non solo, di Pietraperzia, ha risposto con atti di grande generosità e a braccia aperte – commenta Antonino Sella, coordinatore del CAS di Pietraperzia – Nel nostro caso, la risposta della città ci fa ben sperare perché ha prevalso il senso cristiano di umanità e fratellanza”. I giovani sono stati impegnati in questi giorni nelle funzioni religiose, hanno incontrato le sorelle Figlie di Maria Ausiliatrice e altri gruppi religiosi. Hanno anche visitato il presepe di Montaperto, frazione di Agrigento, sempre accompagnati da Padre Osvaldo. 

Copyright © 2017 Associazione Don Bosco 2000 - Piazza Armerina. All Rights Reserved. Designed by StudioInsight.it